L’armonia della pizza

Un gruppo di lavoro “ideale”, quando si trova in pausa pranzo, non dovrebbe consumare più di due pizze. Ma, se vogliamo garantirci anche un risultato “ideale” potremmo spingerci oltre e ipotizzare che ogni componente del gruppo sia anche un ingrediente della pizza. Mr Pomodoro, magari ovviamente di origini campane e leggermente acido. Lo si può spremere, farci la passata o tagliarlo a pezzi, ma lui legherà sempre perfettamente con Lady Mozzarella. Lei, carnagione bianchissima e capelli stretti in una treccia, farà nodini per ricordarsi gli appuntamenti e conserverà sempre  la sua elasticità. Alla fine arriverà lui, Mr Basilico. Sempre in ritardo e quasi all’ultimo. Ma saprà aggiungere una nota particolarmente fresca e profumata.
Tom, Mozzie e Basil lavorano insieme in un ristorante. Daisy è il loro chef. Tutti insieme lottano contro OGM, coloranti e cibo spazzatura. Fanno lo slalom ogni giorno per evitare grassi saturi, sapori sintetici, conservanti.
Le loro ricette spezzano il muro del silenzio per cancellare i marchi dello junk food dalle menti dei clienti.
Tom va da Daisy, che nel vederlo arrossisce sempre. Oggi la proposta di Tom è “Gazpacho vs Ketchup”. Daisy ci pensa su… piatto interessante… ma lei è più una tipa da minestra riscaldata che da zuppa fredda! E gli propone un’alternativa… Pappa al pomodoro, tipica ricetta toscana. Tom cerca  disperatamente Basil. Ha bisogno di lui per quella ricetta. Ma Basil non è ancora arrivato, probabilmente è rimasto vittima della pasta al pesto della sera precedente.  E’ tardi, Tom non lo può più aspettare e si mette immediatamente al lavoro. In pochi minuti è pronto per cuocere.
Mozzie è sul bancone di fronte  a far canestri di melanzane. Lei, i capperi e le olive.
Tom aspetta di essere chiamato, ma Mozzie ha scelto una ricetta in bianco.
Lui è geloso e pensa “ lei è pronta per infornarsi e non mi ha chiamato?” E’ un attimo e si butta nel canestro in mezzo ai capperi e alle olive. Mozzie grida “Mi hai rovinato tutto!”, mentre la pappa al pomodoro brucia.
In cucina entra Basil serafico “Serve aiuto?”
Daisy prende in mano la situazione, richiama tutti agli ordini. Sono le 6.30 p.m. e fra poco i primi clienti stranieri inizieranno ad arrivare. Bisogna trovare rapidamente una soluzione. Getta un po’ di farina sul tavolo… Come fa sempre quando non sa come iniziare. Dice che la farina fa venire le idee, la spruzzi ovunque e qualcosa succede. Pochi istanti e ha l’illuminazione. Una ricetta storica. Chiama tutti a raccolta. Prende la pasta lievitata dalla dispensa… E’ indecisa… New York style o Chicago style? Forse meglio qualcosa d’esotico tipo Hawaiian style… Andrà meglio quella hollywoodiana? La California style?… Si concentra, chiude gli occhi ed è subito… 1889. Raffaele e la Regina. Ma si deve far forza… perché oggi ce ne vuole tanta per scegliere il “Tricolore”.  Mozzie, Tom e Basil si dovranno fondere fra loro…  e non è facile… sono caratteri difficili…e vanno dosati bene… Mentre tira la pasta con abili gesti delle mani, assapora già il risultato finale. E allora è facile dire ai suoi “collaboratori” cosa devono fare, indicargli i “punti d’incontro” e creare l’universo “Pizza”. Mozzie, Tom e Basil sono stranamente docili… Come non lo sono mai stati… Si sentono partecipi di un pezzo di storia… Ognuno prende il suo posto senza  prevaricare gli altri, in un’armonia che inizia come una canzone napoletana, supera i confini della regione e s’irradia su tutto lo Stivale… Poi attraversa gli oceani, il tempo e la cultura, si trasforma, si arricchisce… Si trasfigura… Ma nessuno la potrà più cancellare. Lei sua maestà “Margherita”, la regina di tutte le pizze è pronta da servire! Grazie Mozzie, Tom e Basil!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s