Un faro nel Bronx

Nata come un faro per studenti e professori all’Università del Minnesota, la H. W. Wilson Company, ha da sempre illuminato il mondo dell’editoria.
Informazioni, storie, ricerche che passano per quel fascio di luce e portano conoscenza.
Duke e Dexter s’incontrano al 950 University Avenue, al palazzo con il faro.
Lì parlano di musica, un blocco più giù c’è un’etichetta indipendente. Hanno fatto fare un disco a una del quartiere… Per Dexter una poco di buono. Duke annuisce, ma dentro di sé pensa “è una che ce l’ha fatta!” e come ce l’ha fatta proprio non gl’interessa. A lui che il padre gli ha messo Duke, come Ellington, per il jungle, per il suono esotico che piaceva così tanto ai bianchi da fargli accettare i neri, in quel Cotton Club che aprì i confini di Harlem per irrompere nel mondo con le sonorità afro-americane.
Passeggiano sull’Harlem River, qui è terra dei gruppi hip hop, questa è la terra di Dexter. Lui è un nostalgico dei b-boying,  sa rintracciare le tracce di griot o di dub in ogni pezzo che ascolta. Duke non ne capisce nulla, non sono i suoi ritmi, non è  sua quella cultura. Rimane in silenzio e prova a capirne le ragioni.
Dexter guarda l’orologio e Duke, come ogni volta  dice “Alle 5 il prossimo fottuttissimo venerdì”. Lo ha sentito da Dexter, mentre fissava una punta con una ragazza. Lo fa sentire “al suo posto”, non più un immigrato portoricano. Con la nonna, sulla sedia con le gambe alzate che gli racconta di Torresola e Collazo, di un’indipendenza negata, di un passato di ingiustizie e di emarginazioni. Ma quando esce di casa, sa che può guardare al futuro e sperare di avere una possibilità, proprio come quel faro che sta lì e ti ricorda di accendere la tua curiosità sul mondo.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s