108 Rosebery Ave. (Islington) CAP IV

Samuel Brixton… Janet continuava a sforzarsi di ricordare, ma quel tipo era scomparso dalla sua memoria… Se mai lo aveva incontrato.
Era in quella stanza ghiacciata, con il suo avvocato e preoccupata per suo figlio. Quella megera di Kolga sarebbe stata capace di sbatterlo sul pianerottolo se non rientrava per le 9.00. E fu allora che si ricordò della caduta e che quella sera era tornata a casa insanguinata. Sì era successo proprio lì a Rosebery Ave. A pochi passi da quella vetrina… La vetrina di quella signora che cambia in continuazione le sue opere d’arte… Maggie Ellenby… Ma quella sera nella vetrina non c’era un’istallazone, no, c’era un grande pesce… No… Non era un pesce era una sirena… Neppure… Era una donna-acqua… Ecco sì c’era una donna-pesce nella vetrina…
Lei stava correndo come sempre per tornare a casa, fu come un’apparizione… E poi cadde… Era svenuta? Ecco questo ora lo ricorda perfettamente… L’avvocato non dice nulla, ma pensa che al limite si può evitare il carcere, per mandarla in un ospedale psichiatrico.

Mancano pochi minuti alle 9.00… Kolga è nervosa, non vuole Joel in casa… Ma non c’è nulla da fare.  Mentre il bambino si sdraia sul divano sotto la coperta dice:
“Mi sarebbe piaciuto avere una sorella… Tu ne hai?”
“Pure troppe!”
“E come sono?”
“Come me… No, una è perfida… Potrebbe uccidere per mantenere un segreto … E’ peggio di me!”
Entra in bagno e si chiude a chiave. Dopo pochi istanti Joel la sente cantare.

Al commissariato cercano in ogni modo di incastrare Janet, ma quella morte è troppo strana e quella dannata telecamera mostra solo una donna addormentata vicino al  corpo di un morto.
E’ anche bravo l’avvocato…  Avrebbe fatto strada. Sorvola sulle allucinazioni di Janet e sulla donna d’acqua… Riesce a convincere tutti che la morte del Professore era stata causata da un malore. Si era trattata di una coincidenza particolare… Janet aveva inciampato a pochi passi da quel corpo ed era svenuta. Quando si rialzò sanguinante, era sconvolta, aveva fatto tardi per riprendere il suo Joel e corse via senza nemmeno vedere quel corpo steso a terra.
Sono tutti  perplessi, ma non c’è altro da fare… Rilasciare Janet e archiviare il caso.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s